Madonna con Bambino e due Santi

Sul primo altare a sinistra sono visibili i resti pittorici che raffigurano una Madonna con Bambino e due Santi eseguiti dall’affreschista napoletano Belisario Corenzio, che dipinse la Chiesa e l’abside costruito nel 1593.

La pittura ad affresco è venuta alla luce nel 1992, durante i lavori di rimozione, per consentire il restauro, del dipinto “La natività della Vergine” (cm. 250×210) eseguito da Teodoro D’Errico (nome italianizzato del belga Dirk Hendricksz).

L’affresco si presenta alquanto sfigurato, tuttavia è possibile ancora riconoscere sulla sinistra San Giovanni Battista con abito povero da eremita e il bastone che, nell’iconografia di Giovanni Battista, è sostituito da una croce.

In cima al bastone la scritta “Ecco l’Agnello di Dio”. A destra San Pietro che tiene nella mano destra la chiave del Cielo e nella sinistra un libro.

Nell’affresco è possibile apprezzare le originarie strutture architettoniche dell’antica chiesa dell’Annunziata.

Al centro in basso è possibile intravedere una chiesa romanica a tre navate. A destra vediamo il massiccio campanile quadrangolare.

In alto due angeli coronanti la Vergine che sorregge Gesù bambino che compie un segno di benedizione. La Vergine ha l’aspetto di una giovane donna con lunghi capelli castani, molto seria e raffinata. 

L’affresco costituisce un documento iconografico importantissimo e ha bisogno urgente di un intervento di restauro, necessario per evitare ulteriormente la caduta di intonaco e di pellicola pittorica.

San Giovanni Battista è una delle personalità più importanti del Vangelo cristiano e la sua vita è intrecciata con l’opera di Gesù Cristo. Figlio di Zaccaria e Elisabetta. Di lui è nota soprattutto la morte. Egli condanno pubblicamente la condotta di Erode Antipa. Il re lo fece prima imprigionare e poi, per compiacere la figlia di Erodiade, Salomè, che aveva ballato a un banchetto, lo fece decapitare. San Giovanni Battista è ritenuto il protettore dei carcerati, dei musicisti  e dei sarti.

San Pietro è il primo Papa della chiesa cattolica e primo vescovo di Roma, ma è soprattutto uno dei 12 apostoli di Gesù. Nacque in Galilea e fu un pescatore ebreo di Cafarnao. Fece parte di una cerchia ristretta, insieme a Giacomo e Giovanni, di quelli che assistettero alla resurrezione della figlia di Giairo, alla trasfigurazione sul monte Tabor e  all’agonia di Gesù nell’orto degli ulivi. Secondo il Vangelo fu il capo degli Apostoli e, nelle ore precedenti alla crocifissione, prima del canto del gallo, tradì il Signore per ben tre volte. Fu un instancabile predicatore: il primo a battezzare un pagano, il centurione Cornelio. San Pietro è ritenuto il protettore dei pescatori, dei panettieri, dei ciabattini e degli ingegneri.