Epigrafe n. 2186 del palazzo Montevergine

Epigrafe n. 2186 - Pro Loco Airola

Nel Chiostro del palazzo Montevergine (Municipio) vi è una pietra sepolcrale, quale l’Epigrafe n. 2186, prezioso dono fatto al Comune dai due fratelli germani, Francesco Paolo e Vincenzo Falco, nell’agosto del 1895.

Pubblicata nel Corpus inscriptionum latinarum di TEODORO MOMMSEN, la pietra sepolcrale porta la dicitura, con la quale un tal Sesto Pompeio pensa alla tomba per sé, per il fratello Alcimo, per Sesto Pompeio figlio e per la sua moglie Restituta. E’ preceduta dalla solita sigla D. M. “ai Dei tutelari della casa”. Ha un certo valore, anche per un’espressiva anfora di sacrificio, posta al suo lato destro.